sabato 10 ottobre 2015

Recensione: LIFE AND DEATH (Twilight Reimagied), di Stephenie Meyer

Lo so che lo sapete. Lo so. Ho capito. Ho afferrato il concetto. Negli ultimi giorni nella book community non si è parlato d'altro. Per chi ancora non lo sapesse, mi sto riferendo al "nuovo" libri di Stephenie Meyer, che per il decimo anniversario ha deciso di farci una bella sorpresina. Nessuno sapeva di questo libro "nuovo". Tutti pensavano ad un'edizione speciale ampliata, con contenuti aggiuntivi esclusivi. Mai nessuno avrebbe pensato ad una cosa del genere. Io per prima. Non ho la più pallida idea di come abbia fatto a tenerlo segreto.
Piccola premessa: parto col dire che io sono abbastanza affezionata alla saga di Twilight e che nonostante ogni volta io legga i libri cambi un po' il mio parere, rimane sempre una delle saghe più particolari ed originali che abbia mai letto (don't judge me. Non si può negare quanto abbia fatto scalpore). Come sempre gli spoiler sono in grigio chiaro. Let's do this.

Titolo: Life and Death (Twilight Reimagined)
Autrice: Stephenie Meyer
Genere: Paranormal/YA
Attualmente inedito in Italia (08.01.2016, Fazi).


Il "nuovo" libro è gender bender, cioè tutti i maschi diventano femmine e viceversa. Tutto si ribalta. O a quanto pare non tutto. Prima cosa che non quadra. Ogni singolo personaggio del libro ha il sesso opposto tranne Charlie e Renèe. Perché mai non potrebbe esserci un-Renèe-Maschio che si trova una nuova donna e lascia la-Charlie-Femmina? A quanto pare no. Iniziamo bene.

Fin dalla primissima pagina, il libro è semplicemente identico al Twilight originale. So perfettamente che se è gender bender è tutto cambiato solo per quanto riguarda i sessi, ma è stato veramente noioso (e sgradevole) leggere un libro che è uguale in tutto e per tutto ad uno che ho già letto e riletto e visto e rivisto (e stravisto, aggiungerei).

Bella è diventata Beau, diminutivo di Beaufort. E qui mi sembra d'obbligo fermarsi un attimino. Ma che razza di nome è? Sono sicura che ci saranno decine e decine di nomi che significano "bello" e vai a sceglierne uno che non si usava nemmeno nel 1700? Beaufort? Seriamente? Nome ridicolo a parte, noi lo conosciamo già. Noioso. Goffo. Stupido. Ripetitivo. Superficiale. Niente di nuovo.

Edward è diventata Edythe ed è semplicemente uguale ad Edward. Anche lei con le stesse manie di "oh no i vampiri sono dannati non dovrei stare con te stammi lontano ma lasciati sedurre non voglio starti lontano sì vieni con me a portland però stammi lontano" e tutte quelle cose lì. Sì, anche lei brilla, è bellissima, ha i capelli rossicci e sembra che l'autrice abbia copiato ed incollato la descrizione di Edward cambiando il genere di aggettivi e pronomi. Perfino il modo in cui viene introdotta è identico a quello in Twilight (Bella che osserva prima tutti i Cullen ed Edward alla fine).

A proposito dei Cullen apro una parentesi solo per farvi ridere un po' con i nomi. Quello che mi ha fatto morire è Rosalie, ora Royal. Esme invece è Earnest, che sembra il nome di un boscaiolo sessantenne con i baffi più folti dei capelli. Carlisle è diventato Carine. Ho detto tutto. Si commentano da soli.

Jacob, perché sì, non dimentichiamoci di Jake anche se nel primo libro è quasi inesistente, è diventato Julie (poi abbreviato in Jules) e ritengo che la Meyer sia stata costretta a mettere solo per raccontare a Beau la storia dei freddi e poi fine: ciao ciao Jules.

I personaggi sono identici. Infatti in teoria in questa recensione non ci sarebbe nulla da dire perché non c'è nulla di nuovo. Non cambia una virgola se non il sesso. Fine. È stato come rileggere Twilight, ma la versione peggiore. In alcuni punti si capiva subito che alcune cose proprio non quadravano. Non ci vedevo proprio Edythe a seguire Beau come nell'originale Edward segue Bella. O anche McKayla (Mike) ed Erica (Erik) a provarci con lui, di continuo. Non puoi cambiare in questo modo certi passaggi. Sono tutte queste piccole cose che ti fanno storcere il naso. A volte era, se posso davvero essere cattiva, ridicolo. So di non essere l'unica, ma lo ammetto: tutti erano così uguali all'originale che non sono praticamente riuscita ad immaginarmi Edward-versione-Bella e Bella-versione-Edward. 
Ma c'è una cosa che è diversa. Ma che più diversa di così non si può. IL FINALE.

Inizio spoiler (leggete a vostro rischio e pericolo).  Nel Twilight originale la scena del morso di James è tutta in una pagina scarsa e poi finisce lì. In questo Beau decide di diventare un vampiro ed Edythe non cerca di fargli cambiare idea. Questo mi ha un pochino infastidito. Per tutto il libro Edythe conserva gli stessi tratti caratteriali di Edward e poi alla fine non fa una piega? Ah, okay. Ho trovato la trasformazione di Beau molto diversa da quella di Bella, e più buffa (cercavo un sinonimo per "ridicola" ma non sono riuscita a trovarne uno). Beau continuava a ripetere: "Whoa, this is so cool." Ma quanti anni hai, cinque?  Poi non succede come in Breaking Dawn che in un qualche modo riescono a dirlo a Charlie. Qui inscenano il funerale. E Beau non sembra per nulla mosso dai suoi genitori e amici in lutto. Questo non ha nemmeno disturbato la Meyer che, imperterrita, è riuscita ad infilarci tutta la faccenda del matrimonio, come se non ne avessimo già abbastanza. Se ci pensiamo bene però, la trasformazione "prematura" di Beau significa principalmente due cose: uno, niente triangolo amoroso tra Beau/Edythe/Julie; due: niente Renesmee. Se devi scrivere un libro uguale a quello originale, almeno fa sì che sia così in tutto. Non sono riuscita a capire questa cosa del farlo finire diversamente. Proprio no.  Fine spoiler.

In conclusione, Stephenie, grazie per il pensiero ma anche no. Sapevi perfettamente che tutti ci aspettavamo Midnight Sun eppure hai scritto questo. Meh.
In compenso sappiamo già cosa aspettarci prossimamente da E. L. James. Oh Dio.




Se non sbaglio questa è la prima recensione in italiano di questo libro! Per citare: "Whoa, this is so cool!
So che è super-incasinata ma sono proprio furibonda. Avevo tante cose da dire. Se volete saperne di più vi ricordo che potete contattarmi via mail o tramite i social
E voi, che ne pensate della nuova genialata della Meyer? Fatemelo sapere, non aspetto altro u.u 
A presto, Sara ♥

10 commenti:

  1. Ciao!
    Ho finito di leggerlo giusto oggi e sto per pubblicare la recensione. Come te sono affezionatissima a questa saga e Twilight è l'unico libro (che non sia il signore degli anelli o Harry Potter) che ho riletto più volte, per cui ero terrorizzata da Life and Death. Invece, sono rimasta sorpresa e in senso positivo. E il finale mi è parso giusto così.
    Per quella cosa che hai scritto nello SPOILER beh l'umano della situazione era Beau....che non può fare proprio tutto quello che ha fatto Bella... quindi quel personaggio non può esserci, non poteva esserci in nessun caso....ecco....non so se sono riuscita a dire quello che volevo dire senza spoiler.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho capito alla perfezione ed hai assolutamente ragione! Per notivi (ehmmm) fisici (?) non è stato possibile fare questo, è vero! Non ci avevo pensato.

      Elimina
  2. Ciao, sono una ragazza che a suo tempo ha apprezzato molto e amato la saga di twilight, sicuramente mi trovo d'accordo con te.Già solo l'idea in se non mi ha entusiasmato,ma leggendo la tua recensione son sicura di aver fatto bene a non comprare questo nuovo libro ,che senza alcun dubbio dopo 2 pagine avrei richiuso in quanto come te trovo noioso rileggere lo stesso libro sostituendo semplicemente i nomi e seppur con leggeri particolari semplicemente"stravelocizzando" il finale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è successo lo stesso con Grey (che sarebbe Cinquanta Sfumature di Grigio però raccontato da lui e non da Anastasia). Oddio, quel libro (mi spiace se tu la pensi diversamente) è proprio scritto malissimo e la trama è a dir poco inimmaginabile, ma anche lì succedono sempre-le-stesse-cose e sinceramente non è che abbia proprio voglia di rileggere sempre quelle!

      Elimina
  3. Ciao,io ho apprezzato questa nuova versione soprattuto le debolezze e le differenze uomo e donna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è vero, qui forse vengono sottolineate di più dato che oltretutto Beau è un maschio e quindi di per sè dovrebbe avere quella cosa da "alfa", però ha conservato il carattere insicuro di Bella, certo!

      Elimina
  4. sono perfettamente d'accordo con te....questo libro insulta tutta la saga di twilight...e direi che certe cose rasentano il ridicolo... senza contare che in alcuni pezzi non sono stati cambiati neanche gli aggettivi e sono rimasti al femminile....=copia e incolla.... il finale è tremendo....Charlie e Renee soffrono come non mai e lui sembra non pensarci nemmeno anzi pensa che sarebbe bello sposarsi....ma dai come dici tu MA ANCHE NO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potrei essere più d'accordo! Anche io ho pensato le stesse cose leggendo. Mi spiace perché sono relativamente affezionata alla saga, ma questo proprio...

      Elimina
  5. Ciao, bella recensione! Sono d'accordissimo.
    Sono riuscita non so come a leggere tutto il libro e in tantissimi (troppi) momenti quasi morivo dal ridere. Già quando ho letto "Beau" non volevo crederci.
    Come dici tu ci sono situazioni esageratamente ridicole, tipo quando lui sale sulle spalle di lei. Ho trovato comico anche la sua goffaggine e tutte queste cose; veramente forzate a mio avviso.
    Non so, mi aspettavo molto di più perché di base l'idea era interessante!

    RispondiElimina
  6. Ciao, io speravo in un libro su LEAH il mio personaggio (l'unico) preferito. Per curiosità ho letto anche questo libro, ma mi è sembrato di ascoltare un cd con solo 1, massimo 2 inediti. In alcune parti mi sembrava persino che l'autrice mettesse delle parole solo per allungare il testo. Non sono stata lì a fare un paragone con l'altro libro, ma questo è quello che ho percepito. E ancora non ho capito se ci sarà o meno un seguito.

    RispondiElimina