giovedì 2 aprile 2015

Recensione: Annientamento, di Jeff VanderMeer

Buongiorno a tutti! Quanto tempo >.< Mi scuso per l'assenza e ringrazio tutti quelli che continuano a leggere i miei post anche se non pubblico (tanto love), maaaaaaa finalmente sono arrivate la vacanze pasquali e dunque cercherò di scrivere (o almeno di preparare i post) più che posso. 
Penso che ve ne siate accorti ma sì, ho cambiato la grafica, di nuovo, ma volevo qualcosa di più semplice e meno impegnativo di tutto quel rosso che c'era con il tema "Alice". Spero che questa sia un po' più fresca e primaverile dato che qui da me finalmente il sole è spuntato e non bisogna più uscire con venti giacche e tre metri di sciarpa.
In questo ultimo periodo ho letto un bel po' di libri (quindi aspettatevi delle recensioni!) ma, dato che ieri ho finito Annientamento ho deciso di recensirlo subito, dato che ho tutta la storia in testa!


Titolo: Annientamento (#1-3 Southern Reach)
Autore: Jeff VaderMeer
Genere: New weird (Fantasy+Fantascienza)
Editore: Einaudi
TramaPer trent'anni l'Area X - un territorio dove un fenomeno in costante espansione e dall'origine sconosciuta altera le leggi fisiche, trasforma gli animali, le piante, sembra manipolare lo stesso scorrere del tempo - è rimasta tagliata fuori dal resto del mondo. La Southern Reach, l'agenzia governativa incaricata di indagarne gli enigmi e nasconderla all'opinione pubblica, ha inviato numerose missioni esplorative. Nessuna però è mai tornata davvero dall'Area X: chi, inspiegabilmente, ricompariva al di qua del confine era condannato a un destino peggiore della morte. Questa volta, però, sarà diverso: la dodicesima missione è composta unicamente da donne. Quattro donne che non conoscono nulla l'una dell'altra, nemmeno il nome - sono indicate con la funzione che svolgono: l'antropologa, la topografa, la psicologa e la biologa - accettano di partecipare a un viaggio che assomiglia molto a un suicidio. Cosa le ha spinte a imbarcarsi in una missione tanto pericolosa? La biologa spera di ritrovare il marito, uno dei membri dispersi della spedizione precedente. Ma forse cerca anche di fuggire dai suoi fantasmi. E le altre? Cosa nasconde la psicologa, ambigua leader del gruppo? Quando le quattro esploratrici incappano in una strana costruzione mai segnalata da nessuna mappa, capiranno che fino a quel momento i disturbanti misteri dell'Area X erano stati appena sfiorati.

Quattro donne partono volontariamente per avventurarsi nella misteriosa Area X, un luogo di cui pensano di essere state preparate bene quando in realtà non lo sono affattoUn'antropologa, una psicologa, una topografa ed infine la nostra protagonista: la biologaCiò che la rende diversa dalle altre, unica, è il fatto che riesce a diventare un tutt'uno con l'Area e che può sottrarsi dalle numerose ipnosi a cui la psicologa cerca di sottoporre lei e le sue compagne, per comandarle come marionette perfettamente manipolabili.
Da bambola fallata però la protagonista riesce a scoprire ciò che si nasconde veramente nell'Area X. Quello che sembrerebbe un delfino, ha forse occhi umani? E perché una volpe in decomposizione possiede delle cellule come le nostre? Nulla è come sembra nell'Area X. Dopo aver scoperto la verità, dopo essersi recata al faro, costruzione che le ha detto più di coloro che avrebbero dovuto prepararla, la biologa inizia sempre più ad assomigliare alle creature dell'Area X. È un essere luminoso, vivo, come una fiamma, superiore alle sue compagne. Una dopo l'altra le quattro donne iniziano ad andarsene, in modi sempre più strani, alcune spaventate da lei. Perché il principale scopo della biologa, a differenza di quello delle altre, le quali cercano (furbamente?) di salvarsi, è quello di scoprire cosa si nasconde nella Torre, un'immensa gradinata che scende sottoterra e sembra non finire mai. Cosa sono quella parole vive e misteriose che la biologa ha trovato nella apparentemente impenetrabile costruzione? L'essere che le ha scritte, l'imperscrutabile Scriba, cosa vuole da lei

Annientamento è un libro difficile, molto difficile, nonostante non superi le duecento pagine. 
Inizialmente ho trovato una trama molto ben sviluppata, scritta bene, molto scorrevole. Poi però circa dalla metà in poi, man mano che andavo avanti avevo sempre più domande in testa, la cui maggior parte non ha trovato risposta nemmeno a fine libro. L'autore ha inserito tra le avventure della biologa numerosi flashback, come per aiutare il lettore a comprendere meglio il testo, ma purtroppo a parer mio questi hanno contribuito solo a confonderlo. Soprattutto verso la fine, quando praticamente la biologa ha finalmente esaudito il suo scopo, lo scrittore paragona la sua esperienza ad un fatto accadutole anni prima. Non l'ho trovato affatto agevolante, anzi dopo aver letto tutto sono stata costretta a tornare indietro ed a rileggere tutto perché non avevo capito un bel niente. 
Ma sono dell'idea che tutte le domande che continuano a frullarmi in testa troveranno risposta negli altri due libri della saga (o almeno, lo spero), Autorità ed Accettazione pubblicati anche questi da Einaudi e che usciranno rispettivamente l'uno giugno ed il quindici settembre

Promuovo comunque questo libro perché ha una trama particolare, originale ed assolutamente strana; è scritto in maniera scorrevole anche se a volte ti costringe a tornare indietro e rileggere le ultime righe.
 photo 4_zpsdi9rnuzl.jpg
Quattro su cinque. Molto bello!
Piccola parentesi post-recensione: le copertine.
Le nuove edizioni inglesi sono stupende, ma penso che questa sia una di quelle poche volte in cui quella italiana è più bella di quella originale. Sono semplicemente stupende, le adoro. L'Einaudi ha superato se stessa. Per non parlare della sovraccoperta. Se andate in libreria, dateci un'occhiata. Perché è trasparente, con su scritto il titolo e la trama. Davvero una bella edizione. 

Voi avete letto questo libro? Se sì, che ne pensate? Vi piacerebbe leggerloA presto, Sara.

PS: So che probabilmente sono l'unica che la pensa così, ma questo libro mi ha fatto pensare ad Avatar, anche se non hanno quasi nulla in comune. 

5 commenti:

  1. Non l'ho ancora letto, ma ce l'ho in wishlist e non vedo l'ora di iniziarlo :)

    RispondiElimina
  2. Ciao! :D
    Ti ho nominata sul mio blog per il Liester Blog Award!
    Spero ti faccia piacere ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vado subito a vedere *^* Grazie mille!

      Elimina
  3. Ne ho sentito parlare veramente bene ma non credo sia il mio genere...

    RispondiElimina