venerdì 2 gennaio 2015

Top Five #2 - I migliori libri letti nel 2014!

Buongiorno a tutti e felice anno nuovo! Ieri sera sono andata a vedere Big Hero 6 con la mia sorellina e mio padre: è stato bellissimo! È un film assolutamente da vedere! Molto commovente e super-emozionante! Soprattutto verso la fine (tante, tante lacrime)... Ma anche tante risate! Su con la vita! Non vedo l'ora di andare invece a vedere domenica "The imitation game", con il mio amatissimo Benedict Cumberbatch! Aaaah, che emozione!
Ho un sacco di buoni propositi per quest'anno, novità per il blog e challenge per tutti voi! Colgo l'occasione per ringraziarvi infinitamente per leggere i miei post e sostenermi, davvero, non avete idea di quanto mi rendiate felice! Detto questo con un giorno di ritardo pubblico la Top Five dove vi presento i 5 libri più belli che ho letto nel 2014. Iniziamo subito! I libri sono in ordine di gradimento.

#5 Le nozze di Cadmo e Armonia, di Roberto Calasso
Ne avevamo parlato in classe, il dilemma era: provarci o non provarci? Dopo quasi un anno mi sono buttata e wow, ne è davvero valsa la pena.
Anche se non avete molta familiarità con la mitologia lentamente e rileggendo con attenzione non avrete molto problemi a leggerlo. Certo, ci vuole pazienza e bisogna dedicarci del tempo.
Decisamente un libro non per tutti, questa "falsa" enciclopedia mitologica viaggia attraverso i miti sulle divinità greche facendocele conoscere quasi intimamente. È un libro difficile da seguire, complesso, accademico, ma pieno di perle di saggezza. Ci sono innumerevoli citazioni meravigliose e moltissime metafore davvero belle.
Consigliato. Voto: 4.5 su 5.

#4 Eleanor & Park, di Rainbow Rowell.
Questo è un libro che ho letto molto di recente (clicca qui per leggere la mia recensione completa), che però tenevo sotto d'occhio da quando è spopolato in America. Finalmente in Italia, Rainbow Rowell si è fatta spazio nel mio piccolo cuoricino infranto. Questo è un libro davvero carino, molto originale ma anche -purtroppo?- molto simile ad altri libri come questo (es: "Colpa delle Stelle"). Però anche qui ci sono tanti messaggi da cogliere tra le righe, tanti problemi seri affrontati nel modo giusto, tante lacrime da versare... Forse che la Rowell stia diventando la nuova John Green? Questo libri si può descrivere con una citazione che lo stesso contiene: "Eleanor non era mai carina, lei era un'opera d'arte, e l'arte non deve essere carina, deve trasmettere qualcosa."
Abbastanza consigliato. Voto: 4/5 su 5.


#3 Follia, di Patrick McGrath
Non sapevo se prendere questo libro dato che non ne avevo mai sentito parlare e che era un genere totalmente nuovo per me ma, anche qui, mi sono buttata e ne sono uscita un po' più pessimista, ma sempre meglio che nulla.
Follia è un libro circondato da un'aura oscura e impenetrabile dalla quale non riusciremo ad uscire fino all'ultima pagina. O forse è meglio dire non "vorremo"?
È un libro dai contenuti molto forti e seri, quindi state attenti! Potreste rimanere scioccati dal chiodo fisso quasi malato che il narratore ha verso le "storie d'amore catastrofiche contraddistinte da ossessione sessuale". Io ne sono rimasta affascinata.
Consigliato, ma non a tutti. Voto: 4/5 su 5.


#2 Colpa delle stelle, di John Green
Dopo tanti passaparola eccomi, mesi fa, che tutta contenta esco dalla libreria con questo libro sotto al braccio. Tre giorni dopo eccomi di nuovo, sul letto, che piango, mentre mia madre mi continua a ricordare che "È solo un libro". Quante volte l'ho già detto? Ho perso il conto: questo non è solo un libro.
Con questo ammasso di inchiostro John Green ha raschiato nella mia anima e ci ha messo qualcosa di preziosissimo. La consapevolezza. La consapevolezza di essere sana, di avere un tetto sopra alla testa e di possedere molto più di ciò di cui ho realmente bisogno. E poi, diciamocelo, è la storia d'amore più sfigata e bella di sempre. John Green ha scritto un vero e proprio miracolo in grado di far commuovere grandi e piccoli.
Consigliato. Voto: 5 su 5.


#1 Novecento, di Alessandro Baricco
Quando ho visto "La leggenda del pianista sull'oceano", me ne sono innamorata subito. Suonando da quasi 10 anni il piano (gulp!), film di questo genere mi prendono tantissimo e, ripeto è stato amore a prima vista. Quando meno di un mese fa in libreria ho visto questo piccolo grande tesoro, non ho saputo resistere.
"Novecento - un monologo", è un capolavoro: meraviglioso, commovente, ma soprattutto diverso da qualsiasi altro libro che io abbia mai letto. È così originale, pazzesco e verosimile che non riesco nemmeno a capacitarmene. Mi piace da impazzire come Baricco ha caratterizzato tutti i suoi personaggi, e devo proprio ammettere che qui ha superato se stesso.
Consigliatissimo. Voto: 6 su 5 (lol).



"Sapeva ascoltare, e sapeva leggere. Non i libri, quelli son buoni tutti, sapeva leggere la gente. I segni che la gente si porta addosso."
[Novecento, di Alessandro Baricco]



Attenzione! Piccolo chiarimento sul post di ieri.
Ieri, in pochi l'hanno visto, ho pubblicato un post in cui mettevo in palio un buono Amazon. Un giveaway, insomma. Poco dopo averlo pubblicato, ho cancellato il post. Rafflecopter non funzionava e mi sa che ho combinato un piccolo casino. Il giveaway è solo che rimandato! Non so a quando, ma sto solo cercando un sito che lo sostituisca. Oppure faccio tutto "a mano" e via così! Se conoscete dei siti su cui fare dei giveaway vi prego, scrivetemelo via mail (maidsarachan@gmail.com).
Quali sono i libri che vi sono piaciuti di più quest'anno? Fatemelo sapere in un commento qui sotto!
A presto,
Sara.

Nessun commento:

Posta un commento