giovedì 4 settembre 2014

Recensione: BEASTLY di Alex Flinn

Questa recensione non contiene spoiler.

Buongiorno a tutti! Dopo settimane finalmente eccomi qui con una recensione. Dato che è davvero da troppo che il mio blog non vede recensioni, oggi mi sono stufata e mi sono letta tutta ad un fiato "Beastly", libro che prima d'oggi avevo letto solo una volta, nel "lontano" 2010 (sì, avevo l'abitudine di annotarmi la durata della lettura di ogni libro).
Me lo ricordavo diverso, e proprio ciò mi ha spinto a scrivere una recensione. Dunque, iniziamo subito!



TITOLO: Beastly
AUTORE: Alex Flinn
GENERE: Paranormal/Urban Fantasy
EDITORE: Giunti
PAGINE: 365
TRAMA: Kyle Kingsbury, ricco, bello e popolare si prende gioco di una ragazza piuttosto bruttina della sua classe di nome Kendra, una vera e propria strega in incognito. Lei allora lo maledice per la sua cattiveria, tramutandolo in una bestia; gli concede però due anni per rompere l'incantesimo, perché pochi istanti prima di trasformarsi, Kyle compie un atto di gentilezza, donando alla ragazza della biglietteria una rosa che la sua partner si era rifiutata di indossare per il ballo. L'unico modo di rompere l'incantesimo e ritornare alla sua bellezza è amare ed essere corrisposto.

Kyle è bello, ricco e... bello. Intelligente è una parola che non gli piace molto, dato che per lui intelligente significa secchione, e secchione vuol dire sfigato. Kyle ama se stesso, si adora, e questo perché è terribilmente bello. Può affittare limousine immense, la sua fidanzata è ragazza più sexy del liceo e suo padre è un telecronista così  famoso che persino gli schermi di Time Square lo hanno ospitato qualche volta.
Eppure Kyle non è felice. Lui sembra felice, perché non potrebbe mai mostrarsi triste, dato che ciò lo abbasserebbe di livello.
Ma ha un piccolo hobby per tirarsi su di morale (e ricordarsi quando sia figo): prende in giro le ragazze "sfigate". Che poi sfigate lo sono solamente perché lo dice lui. 

Nel film, Kendra è interpretata da Mary-Kate Olsen. La vediamo
subito molto truccata, tutta nera,  con uno stile molto dark.
Simile alla Kendra nel libro... Se solo fosse anche brutta e con
i capelli verdi. 
Ma Kendra non si sente affatto una sfigata, anzi, come verremo ben presto a sapere, lei in realtà è molto più "figa" di lui.
Kyle vuole burlarsi di lei, ed escogita un piano a dir poco diabolico: farà finta di invitarla al ballo della scuola, e poi la scaricherà davanti a tutti, umiliandola.
Quando il fatidico giorno arriva, lei non ci rimane male, nè viene ferita da Kyle, perché se lo aspettava. Lei voleva solamente dargli una possibilità. Una possibilità per dimostrare al mondo di essere buono, e non poi così cattivo come tutti pensano che sia. E invece. 

Kyle, turbato dalle parole ("Speravo che non mi avresti fatto decidere così in fretta, Kyle") che la "strega", come la chiama lui, gli ha detto rimane per tutta la serata come sbigottito, frastornato, è terribilmente in ansia: ha paura che la strega si sia arrabbiata con lui. "Non esistono le streghe" continua a ripetersi, ma invece...
Tornato a casa trova Kendra sul suo letto, e vede che non era brutta e grassa come lui aveva sempre visto: è bella e con un fisico mozzafiato.
Lei lo punisce, trasformandolo in quello che è davvero: una bestia.

Peloso, brutto e munito di artigli, come una vera bestia, Kyle non ha una via di uscita, non esistono cure mediche in grado di curarlo.
Allora si trasferisce in periferia, iniziando una nuova vita, con la domestica Magda e l'insegnante cieco Will. 
Kyle ha due anni per farsi dare un bacio da una ragazza, azione che implica il fatto che la ragazza lo ami. Passano mesi, eppure Kyle non sa davvero cosa fare, dato che è solo tutto il tempo, e nessuna ragazza si avvicinerebbe a lui nemmeno morta.
Ma un giorno, il padre di Lindy (una ragazza con cui Kyle l'ultimo giorno da "umano" era stato gentile) cerca di entrare in casa loro: è un ladro ed un drogato.
Kyle e l'uomo fanno uno scambio: la libertà per sua figlia.
Allora Lindy va a vivere a casa di Kyle. E questo cambierà la sua vita.


Questo libro mi è piaciuto abbastanza, ma non troppo.
Non mi è piaciuto affatto lo stile di scrittura usato da Flinn, e non penso proprio che sia la traduzione fatta male, ma semplicemente l'autore non si è soffermato abbastanza sulle descrizioni, infatti il libro in alcuni punti è risultato quasi sgradevole.
Anche se ho finito di leggere il libro qualcosa come mezz'ora fa non vi saprei davvero descrivere il carattere di Lindy. È mal descritto, anzi, il suo carattere non viene mai a galla. Io penso a Lindy come una ragazza sciatta, monotona, e posso pensare solo che questo dato che non so nient'altro di lei. Con Kyle è diverso, perché noi lo conosciamo attraverso agli altri (come per esempio Kendra, che ci fa capire com'é).
Per quanto riguarda gli altri due personaggi della storia (perché effettivamente ci sono solo quattro personaggi fondamentali in questo libro), Magda e Will, li ho apprezzati abbastanza. Magda è la domestica, che sembra stupida ma in realtà è tutt'altro (nel finale del libro si verrà a scoprire che in realtà non tutto è come sembra...), e Will... be', è Will

Nel libro è simpatico ed estroverso, ed anche se è cieco non si fa scoraggiare da niente e da nessuno. Nel film l'attore che lo interpreta è Neil Patrick Harris, quindi è a dir poco epico.
Per quanto riguarda il rapporto fiaba originale - rivisitazione in chiave moderna devo dire che mi aspettavo un po' di più. Certo, più di tanto non si può fare dato che la storia è sempre quella, ma mi aspettavo qualcosa di nuovo. Non un cambiamento drastico nella trama, ma solo una qualche novità.
Pensando alla versione Disney possiamo vedere Magda come una combinazione tra Mrs. Bric e Tockins, e Will come Lumiere. Questi ultimi sono davvero uguali: affascinanti e simpatici.

In conclusione, do a questo libro un voto di tre e mezzo su cinque. 


Salviamo il salvabile!
Un brevissimo commento per quanto riguarda il film tratto da questo libro: un bellissimo film, pieno di piccole perle e citazioni molto carine. Ma se siete interessati a sentire un mio parere sulla transizione cinematografica di questo libro fatemelo pure sapere commentando qui sotto.
Spero che questa recensione vi sia piaciuta e a presto,
Sara.

2 commenti:

  1. Ciao Sara, ma che bella recensione! Molto precisa, lunga fino al giusto e articolata in modo perfetto. Veramente complimenti, truly :)
    Comunque ..per la prima volta in assoluto credo mi abbia entusiasmato più il film del libro (a causa di Neil Harris ahhah kidding), e non credevo fosse possibile. Il libro è scritto maluccio, non sono riuscita a godermelo; il film inv seppur narri della stessa storia un po' scontata, mi è piaciuto. Adoro Mary-Kate Olsen! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero davvero felice che ti sia piaciuta la recensione! Anche io adoro le gemelle Olsen, sono favolose *-*

      Elimina