lunedì 24 marzo 2014

On my Wishlist #6

Oggi pensavo all'andamento del blog. E mi sono resa conto che comunque dovrei pubblicare di più. Lo so, sono una blogger terribile. Guardavo le rubriche e pensavo che sono proprio indietro. Quindi, mercoledì aggiornerò www.wednesday, ed oggi ho deciso di aggiornare "On my Wishlist". Aggiorno sempre il mio taccuino quando noto un libro che mi piace, ma mi dimentico di farci dei post sopra. Aiuto. Sono troppo smemorata. 

Quindi! Io trovo parecchie foto di libri (molto interessanti) su questo meraviglioso sito. Dunque mi sono informata su alcuni libri ed ora eccomi qui ad illustrarvi ciò che c'è sulla mia lista dei desideri, ovvero un solo libro che però mi piacerebbe davvero davvero tanto leggere...

TITOLO: The Book Thief (alias Storia di una ladra di libri)
AUTORE: Markus Zusak
GENERE: Storico/Ya
EDITORE: Frassinelli 
PAGINE: 550 circa
TRAMA: È il 1939 nella Germania nazista. Tutto il Paese è col fiato sospeso. La Morte non ha mai avuto tanto da fare, ed è solo l'inizio. Il giorno del funerale del suo fratellino, Liesel Meminger raccoglie un oggetto seminascosto nella neve, qualcosa di sconosciuto e confortante al tempo stesso, un libriccino abbandonato lì, forse, o dimenticato dai custodi del minuscolo cimitero. Liesel non ci pensa due volte, le pare un segno, la prova tangibile di un ricordo per il futuro: lo ruba e lo porta con sé. Così comincia la storia di una piccola ladra, la storia d'amore di Liesel con i libri e con le parole, che per lei diventano un talismano contro l'orrore che la circonda. Grazie al padre adottivo impara a leggere e ben presto si fa più esperta e temeraria: prima strappa i libri ai roghi nazisti perché "ai tedeschi piaceva bruciare cose. Negozi, sinagoghe, case e libri", poi li sottrae dalla biblioteca della moglie del sindaco, e interviene tutte le volte che ce n'è uno in pericolo. Lei li salva, come farebbe con qualsiasi creatura. Ma i tempi si fanno sempre più difficili. Quando la famiglia putativa di Liesel nasconde un ebreo in cantina, il mondo della ragazzina all'improvviso diventa più piccolo. E, al contempo, più vasto. Raccontato dalla Morte - curiosa, amabile, partecipe, chiacchierona - "Storia di una ladra di libri" è un romanzo sul potere delle parole e sulla capacità dei libri di nutrire lo spirito.

Non so se vi rendete conto della bellezza della copertina originale.  È bellissima. 
Maaaaaaaaaaa se vi dicessi che io ho scoperto questo libro tramite la rivista Best Movie? La trama (ma prima di tutto il titolo) mi ha catturata e quando ho scoperto che era tutto nato da un libro mi si sono illuminati gli occhi! Esatto, come nei manga quando brillano o sono a forma di cuoricino, uguale!
Solo che penso che dovrò aspettare un po' di tempo prima di comprarlo. Devo rismarmiarrrrrre.
E poi ho da leggere ancora Teardrop*. Ma questa copertina è nettamente migliore di quella italiana (hanno praticamente copiato la locandina del film, e detesto quando fanno così!). Oggi in libreria ho visto Divergent (aaaah! quanto vorrei comprare il secondo ed il terzo!) e quella che mi sembrava la copertina con gli attori (gleh) che hanno scelto per fare Tris e Tobias e mi è venuto un colpo! Pensavo: "No! Non potete rovinare così un bel libro!" e fortunatamente era solo uno di quei foglietti che si incastrano alla copertina. FIUFF.
A proposito di Teardrop: ho letto i primi tre capitoli, ma non mi ha totalmente preso. L'ho lasciato per ora. Inizio Eragon, tra poco. Ho Eragon ed Eldest da anni, ma non mi attiravano molto. Non so perché ma ora mi è venuto lo "sghiribizzo" e bum!

Voi l'avete già letto? Oppure avete intenzione di andare a vedere il film? Oppure farete come probabilmente farò io ovvero leggerò prima il libro e poi guarderò il film?

A prestissimo (spero),
Sara.

2 commenti:

  1. Ho letto il libro e me ne sono innamorata! Quindi ti consiglio di leggerlo con il cuore, merita. La cover originale è molto bella e anch'io non sopporto quando riprendono le locandine dei film, ma la bellezza del romanzo consente di chiudere entrambi gli occhi.
    Devo dirti, però, un po' perché magari ti aiuterà a risparmiare che esistono delle edizioni italiane precedenti e penso che tu possa trovarle facilmente in biblioteca. Il titolo era La bambina che salvava i libri: un po' meno fedele di quello nuovo. La cover, però, è un'altra storia.
    Non vedo l'ora di andare al cinema e spero che non deluda le mie aspettative :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri sono andata in biblioteca ma non l'ho trovato! Tenterò in un'altra biblioteca! Ma forse domani lo vado a prendere *-*

      Elimina