lunedì 23 dicembre 2013

Recensione: STARDUST di Neil Gaiman + Commento sulla transizione cinematografica

Buonasera a tutti, lettori e lettrici. Dopo un pomeriggio pieno di impegni (ovvero passato a giocare a Demon's Souls e a guardare un amico giocare a Fallout 3) eccomi qui con un'altra recensione. Ebbene sì!
Ultimamente ho fatto un mucchio di acquisti per quanto riguarda i libri, e dato che Natale si avvicina, sono sicura che arriveranno tanti altri libri! Ho già la lista pronta!
Dopo la scorsa recensione, cambio genere, e mi ri-immergo nel meraviglioso mondo dei libri Fantasy. E tra le mani mi è capitato un libro a dir poco speciale...

TITOLO: Stardust
AUTORE: Neil Gaiman
EDITORE: Mondadori
PAGINE: 245
GENERE: Fantastico
TRAMA: In una fredda sera di ottobre una stella cadente attraversa il cielo e il giovane Tristan, per conquistare la bellissima Victoria, promette di andarla a prendere. Dovrà così oltrepassare il varco proibito nel muro di pietra a est del villaggio e avventurarsi nel bosco dove ogni nove anni si raccoglie un incredibile mercato di oggetti magici. È solo in quell'occasione che agli umani è concesso inoltrarsi nel mondo di Faerie. Tristan non sa di essere stato concepito proprio lì da una bellissima fata dagli occhi viola e da un giovane umano e non sa neppure che i malvagi figli del Signore degli Alti Dirupi sono anche loro a caccia della stella...


Adoro quando un libro fa nascere in me delle domande. Ma amo questo fatto solo quando poi arrivano le risposte. Ed è questo, ciò che succede in Stardust.
Il sipario si apre sulla piccola cittadina di Wall, nell'Inghilterra Ottocentesca. E già qui iniziano a trasparire piccoli spiragli di steampunk. All'inizio la storia sembrava ambientata ai tempi nostri, ma dopo poco ho capito che non era così.
Ad ogni pagina spuntano fuori nuovi personaggi, uno più bizzarro dell'altro!



Ci sono mostriciattoli e creaturine che mai mi sarei immaginata!
Un po' come quando ti chiedono: "Prova ad immaginare un nuovo colore!" oppure "Pensa ad un odore che non hai mai sentito!"; ecco, ad una domanda del genere, come per esempio "Prova ad immaginarti una creatura nuova, a cui nessun'altro abbia mai pensato" non avrei saputo rispondere! Invece Neil Gaiman ci propone tante creature nuove, che in fin dei conti sembrano banali, ma che in realtà non lo sono proprio.Già dal primo capitolo in me iniziavano a nascere domande su interrogativi, e man mano che andavo avanti arrivavano le risposte.
Neil Gaiman è un genio, ha saputo creare un mondo bizzarro, bizzarrissimo, e se penso ad uno dei tantissimi libri fantasy che ho letto, nessuno si avvicina a questo per quanto riguarda genialità e capacità creativa.
Alcune frasi prese singolarmente non sono poi così ricche di descrizioni. Ma, non so come diamine ci riesca, con due aggettivi e qualche parola magica l'autore riesce già a farmi immaginare il personaggio proprio come lo vedeva lui mentre lo creava.
La mia coppia di Stardust è quasi distrutta, l'ho letto e riletto e riletto. 
Ho amato questo libro alla follia, mi è piaciuto davvero tanto.
Ci son stati momenti in cui ho pensato: "Aiuto, è finita!" ed invece ecco colpi di scena spuntare come funghi in autunno! 
E' totalmente imprevedibile, da pagina a pagina. 
Questo è uno dei libri più scorrevoli che abbia mai letto. E' seriamente uno dei libri più belli che abbia mai letto. Per me questo libro supera Harry Potter, supera Hunger Games e Shadowhunters. 
Non solo per la trama scorrevole, ma anche per i personaggi, ognuno diverso all'altro, ognuno caratterizzato in un modo fantastico, come solo Neil sa fare. 
Tristan si ritrova in innumerevoli situazioni, ognuna più bizzarra e meravigliosa dell'altra.

Purtroppo non ho il libro con le illustrazioni, ma sono sicura che al più presto cercherò di procurarmene uno, poiché questo libro è entrato nel mio cuore e mai più ne uscirà.
Sembra una favola, una di quelle rare, di quelle che si leggono raramente nella vita. E' una favola moderna, e non riesco ancora a concepire come uno scrittore moderno sia riuscito a creare qualcosa di così magnifico.
E' semplicemente un libro meraviglioso, e ho in mente di regalarne una copia alla mia sorellina, sono sicura che lo adorerà. Perché questo, signori miei, è un libro adatto a grandi e piccoli, è un bijoux. 


Prima di concludere questo post, volevo parlarvi un attimino della transizione cinematografica di questo libro.

REGIA: Matthew Vaughn
ANNO DI PRODUZIONE: 2007
GENERE: Fantasy
TRATTO DA: Stardust - Neil Gaiman

DURATA: 128 minuti.
PRINCIPALI INTERPRETI: Claire Danes, Michelle Pfeiffer, Charlie Cox, Robert De Niro, Henry Cavill

Se dovessi far vedere ad una persona questo film, direbbe che è fantastico, senza ombra di dubbio. Ma se lo dicessi ad una persona che ha letto il libro prima di vedere il film, ne rimarrebbe orripilata. Certo, dalla locandina quasi tutto sembra filare liscio, ma poi già solo dopo pochi minuti di film, lo spettatore se ne andrebbe a gambe levate.
Mancano passaggi fondamentali. Ci sono personaggi che nel libro non ci sono. C'è solo una cosa che è buona in questo film, ovvero il fatto che Primus e Septimus vedono i fratelli morti, e che man mano li raggiungono. Ho apprezzato abbastanza anche il fatto della locanda trasformata dalla piccola carrozza così dalla strega. Ma proprio, per il resto, non mi è piaciuto.


Spero proprio che questo post vi sia piaciuto! E voi, avete letto Stardust? Cosa ne pensate?
Fatemelo sapere con un commentino qui sotto!
A presto,
Sara.

2 commenti:

  1. Io ho amato il film o.o devo assolutamente prendere il libro allora, da come ne parli mi sembra un qualcosa di incedibile ** grazie per la recensione :)

    RispondiElimina
  2. Figurati! Anche io avevo visto prima il film, e mi era davvero piaciuto! Tutti i film del genere tipo InkHeart, Moonacre, mi piacciono! Ma poi ho letto il libro ... D:
    E' stato orribile *piange*
    Comunque te lo consiglio il libro, tantissimo :D
    E Buon Natale :3

    RispondiElimina